Marco Daghero su Forbes con Custhomeyes

Marco Daghero, Owner e CFO di Torchio e Daghero, è su FORBES per il seguente articolo su una start up innovativa fondata da Stefano Nicotra e Manuele Giaccone in cui ha una partecipazione attiva.

Marco Daghero su Forbes con Custhomeyes

Nigis, la realtà virtuale al servizio dei progetti innovativi
La startup basata in provincia di Torino ha creato CustHomEyes, un’applicazione in grado di ristrutturare e arredare la propria casa velocemente con la realtà virtuale.
Un’innovazione unica al mondo

La Silicon Valley ci ha provato. Una giovane startup l’ha fatto e si chiama CustHomEyes. Un software rivoluzionario che permette ai privati e professionisti di realizzare ed arredare tutti i tipi di spazi interni, in realtà virtuale e in tempo reale. Quest’innovazione, unica al mondo, la dobbiamo a Nigis e più particolarmente ai suoi due fondatori, Manuele Giaccone e Stefano Nicotra. Quest’ultimo ne ha avuto l’idea durante la ristrutturazione della propria casa. “È stata un’esperienza abbastanza complicata per me. Laureato in giurisprudenza, avevo difficoltà a capire il linguaggio di un professionista del settore ma anche a percepire l’importanza di tale o tal’altra soluzione di progettazione perché non riuscivo ad immaginarla” racconta Stefano Nicotra. CustHomEyes abbatte queste barriere e immerge il cliente nel cuore dei cambiamenti di casa sua.

In un lasso di tempo di dieci secondi, ci si ritrova immersi all’interno degli ambienti previamente progettati/disegnati. Il cliente è quindi libero di camminare all’interno e di personalizzare ogni elemento: dalla scelta del pavimento alle porte, dal colore dei muri alle carte da parati alla scelta di arredi. “Grazie alle partnership siglate con produttori di fama internazionale e distributori locali, abbiamo integrato nella piattaforma le riproduzioni reali dei prodotti a catalogo dei Marchi unitamente al loro listino.”

Creare un progetto velocemente

Sviluppato per sistemi Windows e Macintosh, smartphone Android e IOS e Visori per la realtà virtuale, CustHomEyes è molto semplice, immediato ed intuitivo. “Basta caricare la planimetria della casa o disegnare direttamente gli spazi, posizionando i muri, le porte, le camere, le finestre. In soli dieci secondi, il software trasformerà il progetto 2d in tre dimensioni/realtà virtuale.” L’opportunità di creare progetti su misura, lasciando libera la propria immaginazione, rendendosi conto in tempo reale delle spese da sostenere .

CustHomEyes migliora il dialogo tra professionisti e clienti. Con la realtà virtuale, il cliente fa parte integrante del progetto avendo la possibilità di interagire con l’architetto e l’interior designer, di confrontare la sua opinione in diretta sulla ridistribuzione degli spazi o la scelta di un materiali e di arredi.” Una volta definito il progetto, il professionista può condividerlo al cliente in tempo reale via mail dandogli la possibilità di apportare modifiche liberamente.

Verso una nuova applicazione

Questa piattaforma ha un enorme potenziale, Manuele Giaccone, Stefano Nicotra e Marco Daghero, terzo socio entrato in un secondo momento, non hanno alcuna intenzione di fermarsi, vi sono piani di sviluppo importanti al fine di presentare un‘offerta sempre più completa ai loro clienti e esportarla presto all’estero. Se l’Italia è la nazione del design, CustHomEyes sarebbe la sua ambasciatrice nel mondo intero. “Pensiamo ai paesi europei come la Francia e l’Inghilterra ma il nostro sogno sono sempre stati gli Stati Uniti. Il nostro modo di lavorare è vicino a quello delle aziende della Silicon Valley. Una vera sinergia si crea tra i collaboratori, si piange e ride tutti insieme.

E questo forse non bastava, un nuovo progetto è in fase di test: un’applicazione mobile chiamata “How to go” dedicata alla navigazione all’interno dei luoghi chiusi di alta frequentazione come centri commerciali, fiere o ospedali. “Delle situazioni dove 90% delle persone si perdono o non ottimizzano bene le loro visite.” Oltre a giocare il ruolo di guida, “l’applicazione per le fiere per esempio, sarà in grado di divulgare i nomi degli espositori, i contatti per fissare incontri e i loro prodotti. Essa avrà quindi un grande impatto commerciale“. La gestione dei flussi sarà ottimizzata. Un’invenzione che se tutto va bene, meriterebbe di essere presentata alla Fiera Internazionale del Mobile di Milano. Una grande soddisfazione per Stefano Nicotra che non smette di essere stimolato da tutto il lavoro compiuto fino ad ora. “Creare ogni giorno nuove soluzioni che abbiano lo scopo di migliorare o rivoluzionare degli ambiti fino ad ora rimasti statici rappresenta per me un grande stimolo e motivo di orgoglio e soddisfazione

Traduzione italiana dell’articolo originale. Leggi l’articolo completo su: FORBES

Articoli Consigliati
Ristrutturazione Palazzo Pastiglie Leone - Torchio e daghero